Festival vegetariano 2014

festivalveg_collage

A Gorizia dal 4 al 6 luglio 2014 si è svolta la quinta edizione del Festival Vegetariano. Nell’antico borgo castello, stand, conferenze, incontri e lezioni di cucina vegetariana tenute da grandi chef.

signazio

La vista della città dal Castello di Gorizia, dove si susseguivano le bancarelle di prodotti vegetariani e biologici.

castello

veg_collage

biolab

Organizzato dall’Associazione Eventgreen e promosso da Biolab, il Festival Vegetariano ha ospitato il meteorologo e climatologo Luca Mercalli, la ricercatrice Melanie Joy, l’agroeconomista Andrea Segrè, l’attrice Syusy Blady, lo chef-scienziato Marco Bianchi e la veejay/scrittrice Paola Maugeri, vegana da molti anni.

Quali pomodori seminare?

Siamo pronti per seminare i pomodori, un paio di mesi ci vogliono per farne delle piantine degne di essere trapiantate. I pomodori gialli, sono dei ciliegini, quindi vengono su che è un piacere e poi fare il sugo giallo è molto divertente.

I ciliegini o datterini producono tanto, sono dolcissimi e quindi l’ideale per i sughi veloci.

La qualità marinda (i migliori per le bruschette e insalate) e i cuore di bue (anche se questi ultimi prima di essere pronti impiegano molto, di solito ad agosto.)

i semi si possono acquistare online in molti siti, per quelli biologici kokopelli e ingegnoli

pomodori

Las Vegans

las_vegans

“Dedico questo libro alla sensibilità dei tacchini, il cui colore della pelle cambia a seconda dell’umore, all’istinto materno delle scrofe, che lasciano entrare nella porcilaia solo le compagne che hanno già partorito, alla gentilezza e alla forza delle mucche, alla cura con cui i conigli scelgono le loro partner, alla memoria e all’istinto vigile dei pesci.

Questo libro di ricette nasce per dimostrare che mangiare vegano non è solamente sano, senza crudeltà verso gli animali e rispettoso del pianeta. Ma è anche molto molto gustoso. Ho deciso che non avrei più mangiato carne all’età di dodici anni e sono convinta che questa scelta abbia migliorato da tutti i punti di vista la mia qualità della vita. E non l’ha resa certo, come alcuni potrebbero pensare, troppo seria e piena di rinunce. Tutt’altro! In queste pagine ho raccolto i miei piatti vegani preferiti tra antipasti, primi, secondi e dolci, e per ognuno ho suggerito una canzone. Perché la musica è l’altra mia grande passione. Ma anche perché penso che la cucina vegana sia profondamente rock. E fra una crema di broccoli con crosta di sfoglia e sesamo e delle tagliatelle di farro con rucola e nocciole, fra un tofu strapazzato allo zafferano e porcini e dei macarons alle ciliegie, vi ritroverete anche voi a fare la vostra buonissima rivoluzione in cucina.” (Paola Maugeri)